4367232

Scuola post Covid, l’emozione di tornare in classe

Scuola e nuovi inizi. A due settimane dal ritorno tra i banchi come stanno i ragazzi? Stop forzato causa Covid19, lezione online, poi l’estate. Ora si è tornati in classe, rigorosamente in mascherina.

Il primo dato che salta all’occhio è che, in questa ripartenza, qualcosa è mancato: a volte le insegnanti per l’assistenza agli alunni, altre volte addirittura i banchi, aspettando quelli a rotelle. La didattica in presenza, però, è ripartita ovunque in Italia, tornando a cadenzare le giornate di studenti e genitori. L’allegria di rivedere i propri compagni, spesso ha incontrato il disagio di dover mettersi i libri sulle gambe. Anche a L’Aquila. 

Nella ripresa dell’attività scolastica si possono individuare tre tappe fondamentali: l’ordine, la necessità e l’accoglienza. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Chiara Gioia, psicologa e psicoterapeuta aquilana.

Scuola, ripartiamo dall’Ordine

Il punto di partenza è avere una scuola sicura e in presenza, presupposti imprescindibili per questo ritorno. “La scuola viene considerata l’agenzia educativa per eccellenza, insieme alla famiglia. Un luogo di confronto, dove si attua la strutturazione della propria personalità. Un ambiente importante sia per chi intraprende questo percorso per la prima volta, quindi i bambini più piccoli, sia per chi ha visto il proprio percorso di crescita formativa interrompersi bruscamente, nel marzo scorso, per cause di forza maggiore”, spiega Chiara Gioia alla nostra redazione.

La riapertura della scuola, allora, ha portato alla “riattivazione del concetto di ordine. Vale a dire l’organizzazione di svolgimento delle nostre attività, secondo criteri rispondenti al concetto di armonia“.

Le abitudini cambiate dal lockdown e una quotidianità ridisegnata prima e ‘ri-attivata’ poi.

Ritorno a scuola, dall’Ordine alla Necessità

La pandemia ci ha catapultati nel disordine, riassumibile nella perdita dei rituali della giornata. Scuola, attività sportive, lavoro, hobby: tutto in pausa. Oggi, quindi, nasce la necessità di capire quali sono le nuove o vecchie necessità personali. Non è detto che siano rimaste le stesse del pre-Covid.

Leggi l’articolo su IlCapoluogo

scared and alone, young Asian child who is at high risk of being bullied, trafficked and abused, selective focus

Giornata per la prevenzione del suicidio, il “fattore Covid” moltiplica le solitudini

Il 10 settembre è la Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio. Cause e attività di prevenzione al tempo del Covid 19 con la dottoressa Chiara Gioia.

Da marzo a oggi in Italia si sono registrati 71 suicidi e 46 tentati suicidi, presumibilmente correlati a Covid-19, a fronte di un numero di suicidi per crisi economica che nello stesso periodo del 2019 si attestava a 44 e quello dei tentati suicidi a 42. Lo segnalano gli psichiatri al Convegno Internazionale sulle tematiche legate al suicidio, organizzato dalla Sapienza Università di Roma, in occasione della Giornata Mondiale per la prevenzione del suicidio del 10 settembre. Ma il Covid 19, con il suo corredo di “isolamento”, è solo uno dei tanti fattori che possono essere ritenuti “cavatappi” rispetto a quelle problematiche che possono avere esiti tragici rispetto al suicidio.

“Il suicidio – spiega a IlCapoluogo.it la psicologa e psicoterapeuta Chiara Gioia – nel mondo rappresenta la terza causa più frequente di morte. Dal punto di vista psicologico, il suicidio viene considerato rispetto agli enigmi sulla vita, la sofferenza, sul “valerne la pena” rispetto alla vita in un momento particolarmente difficile, ma non è un ‘atto improvviso’, come spesso appare dalle cronache. Occorre tener presente che il nostro mondo intrapsichico è come se fosse abitato da ‘personaggi’ normalmente in equilibrio tra loro. Nel momento in cui la realtà concreta non è più in sintonia con questo mondo interiore si possono generare disagi, più o meno gravi”. In concreto, possono essere disagi economici, lutti (intesi in senso stretto o lato, come lutti per una separazione) e altri i “fattori scatenanti” rispetto però a un disagio interiore già in atto.

Capitolo a parte per le problematiche legate al Covid 19: “Al momento c’è una tempistica che non ci permette di effettuare correlazioni scientifiche definitive, ma è chiaro che certi dati del Convegno Internazionale sono significativi. Proviamo a pensare a quella prima infermiera che si era suicidata, pensiamo alla sofferenza che già il personale sanitario è abituato vivere quotidianamente, è chiaro che la pandemia ha assunto ruolo di ‘cavatappi’ rispetto ai disagi accumulati nel tempo. Dal punto di vista psicologico, inoltre, il Coronavirus ha portato all’amplificazione della solitudine e dell’isolamento sociale“.

Solo la prevenzione, quindi, può contrastare un fenomeno che in un periodo di pandemia rischia di aggravarsi: “Purtroppo il suicidio è considerato ancora un concetto tabù, in quanto esito tragico di una sofferenza mentale e psicologica; dobbiamo aiutare tutti a comprendere che tutto si può dire e tutto si può affrontare nel modo giusto. Ci sono figure professionali competenti che possono guidare la persona nel proprio mondo intrapsichico. La prevenzione su larga scala è possibile nel momento in cui il ruolo dello psicologo non viene associato a un ‘malato di mente’, ma come un supporto per tutti, al di là del potenziale problema critico”.

Leggi l’articolo su IlCapoluogo

Businessman father and son are going to school. Dad and schoolboy wearing face mask. Schoolboy is ready go to school. Little boy going to school during coronavirus pandemic. Back to school 2020.

Scuola, stress da rientro post Covid: prendete per mano i vostri figli e accompagnateli

Studenti lontano dalle aule da 6 mesi, quale sarà l’impatto psicologico del ritorno in classe.

Come stanno gli studenti?

I genitori possono aiutare alla ripresa delle abitudini quotidiane, a cadenzare la giornata e a riprendere gli impegni.

Una nuova routine, abbandonata per cause di forze maggiore, e una nuova quotidianità a cui abituarsi. Dopo 6 mesi senza regole e con una nuova organizzazione familiare, i ragazzi stanno per rientrare in classe.

Si tornerà a impostare la sveglia alla mattina presto, si tornerà a scuola, ma senza avere la possibilità di tornare a sedere accanto al proprio vicino di banco, si tornerà a seguire le lezioni dei propri insegnanti, non più dietro lo schermo di un computer.

Sei mesi trascorsi con autonomia ed un’autogestione del proprio tempo, in molti casi senza aprire un libro e trascorrendo troppe ore sul cellulare, sulla PlayStation o davanti alla Tv.

I cambiamenti per gli studenti si sono susseguiti indistintamente, senza che nessuno di loro avesse il tempo di assimilarli.

Problematiche affrontate con la dottoressa Chiara Gioia, psicologa e psicoterapeuta aquilana. “Si parla e si discute molto, ovviamente, delle modalità di rientro a scuola, in sicurezza, a settembre. Si parla molto meno, invece, dell’impatto psicologico che questo ritorno a scuola avrà sui ragazzi. Studenti già reduci da cambiamenti rilevanti nel loro percorso di formazione, con la chiusura degli istituti scolastici fin da marzo scorso e il relativo lockdown, che ne ha rivoluzionato la quotidianità. Un aspetto, questo, rimasto nell’ombra, anche nell’ambito del dibattito nato circa la situazione scuola nel post Covid”, spiega la dottoressa Gioia alla redazione del Capoluogo.it . 

Leggi l’articolo completo su IlCapoluogo

generico-giugno-2020-97992.660x368

La proiezione, ciò che irrita negli altri per capire noi stessi

La proiezione: quando accusiamo gli altri dei difetti che ci appartengono. L’analisi di un fenomeno sempre più diffuso nell’era dei social con la psicoterapeuta aquilana Chiara Gioia.

La proiezione in psicologia, ovvero attribuire all’altro (persona o cosa), in modo anche inconsapevole, aspetti di noi quali sensazioni sgradevoli, sentimenti ostili, bisogni in cerca di soddisfacimento.

“Tutto ciò che ci irrita negli altri, può portarci a conoscere noi stessi” ( C. G. Jung).

Con la proiezione si tende a proiettare all’esterno caratteristiche proprie che non ci piacciono e che in qualche modo causano una grande sofferenza.

Il problema grosso insorge quando in età adulta l’utilizzo della proiezione come meccanismo di difesa è massiccio e preponderante.

Un fenomeno reso ancora più massiccio nell’era dei social, ai tempi della visibilità a costo di ogni cosa. Il Capoluogo ha affrontato il tema della proiezione con un’esperta, la psicologa clinica e psicoterapeuta aquilana Chiara Gioia.

“Etimologicamente il termine Proiezione (dal latino proiectio-onis) fa riferimento all’atto del gettare avanti, l’atto di proiettare, di lanciare nello spazio un corpo pesante, ma anche ciascuna delle diverse azioni di lancio, mediante le quali nel judo si cerca di atterrare l’avversario”, spiega la dottoressa Gioia al Capoluogo.

“Inoltre indica una trasmissione di immagini fisse o in movimento da una pellicola o diapositiva su uno schermo bianco, ottenuta mediante speciali apparecchi, i proiettori per l’appunto e poi, ancora, la valenza che ha nel campo della geometria con le proiezioni ortogonali, così come in anatomia ci sono le fibre di proiezioni, fasci o tratti nervosi di connessione tra la corteccia corticale e i livelli sottocorticali, ovvero in generale tra un nucleo che proietta su un altro”.

Da quanto detto è possibile dedurre la Proiezione come trasferimento.

“Proiezione da Projektion, intesa come meccanismo di difesa dell’Io, significa il trasferimento di un processo soggettivo in un oggetto, in contrapposizione a introiezione. La proiezione è pertanto un processo di dissimilazione, in quanto un contenuto soggettivo, viene estraniato dal soggetto e incorporato nell’oggetto”.

“Può trattarsi tanto di contenuti sofferenti, incompatibili con l’equilibrio del mondo interiore, contenuti dei quali il soggetto, o meglio la parte cosciente ritiene opportuno disfarsene e difendersi mediante la proiezione, quanto di valori positivi che sono inaccessibili per un motivo qualsiasi, ad esempio per una bassa autostima”.

Usando una prospettiva ancora più minuziosa e viscerale, la proiezione si basa sull’identità arcaica di soggetto e oggetto, ma merita il nome di proiezione solo quando si determini la necessità di dissolvere l’identità con l’oggetto.

Leggi l’articolo completo su IlCapoluogo

revenge

Coronavirus, stanchi di lievito e farina: scatta lo shopping della vendetta

Il Coronavirus ha fatto scattare la caccia alla spesa con i supermercati presi d’assalto con uno shopping alimentare frenetico fatto di scatolette, tonnellate di farina e quintali di lievito (come se fossero tutti grandi panificatori.

Adesso, dopo la lunga quarantena, potrebbe prendere piede il fenomeno dello “shopping della vendetta” in inglese Revenge shopping.

Il revenge shopping si prefigura come la “spesa della vendetta” contro l’isolamento imposto dal Coronavirus, l’immobilità, il look acqua-sapone-tuta dominante nel “iorestoacasa” lontano dalle sprangate boutique del cuore.

Da un punto di vista psicologico questa forma di shopping assume il ruolo di “gratificatore”, una dose di “consumismo” volto a far stare meglio non solo se stessi oltre che l’economia italiana, fiaccata dal lungo periodo di chiusura.

Con il revenge shopping chi potrà permetterselo sostituirà gli acquisti essenziali con quelli lussuosi, superflui, e, soprattutto gratificanti per chi ha passato due mesi in compagnia di ciabatte, tute informi e mocio Vileda.

Leggi l’articolo completo su IlCapoluogo

111

Coronavirus e “vuoti da riempire”: l’ascolto online della psicologa Chiara Gioia

Coronavirus: il tempo che si dilata e i vuoti da riempire. Il servizio di supporto online della psicologa e psicoterapeuta aquilana Chiara Gioia.

La sfida della Psicologa aquilana Chiara Gioia è di non lasciare da solo nessuno dei suoi pazienti isolati e costretti in casa a causa dell’emergenza Coronavirus.

Per questo motivo la dottoressa Chiara Gioia, presente a L’Aquila con il suo studio in Via Strinella n. 40, in questo momento ha ritenuto attivare un servizio di consulenze psicologiche “2.0” che, con i moderni mezzi della tecnologia, consente a chiunque ha bisogno di essere “accolto virtualmente” attraverso l’accoglienza, l’ascolto, il sostegno psicologico e una terapia personalizzata, trasferendo cosi on line lo spazio immaginale dell’incontro e del setting.

Inoltre è fondatrice e Presidente dell’Associazione di promozione sociale Agape con la quale promuove il benessere psicologico con una serie di interventi sul territorio coinvolgono anche le scuole. Inoltre, già da qualche anno ha attivato un Centro di Ascolto PRESSO l’Istituto scolastico Maritain, denominato “Ti ascolto”

Leggi l’articolo completo su IlCapoluogo

Busy female worker talking over phone, consulting client, solving company problems, giving help and assisting while writing down important information. Call center operator

#PRONTOCOVID19: il sostegno psicologico a distanza

Chat, messaggistica e video: la Psicologia e gli psicologi entrano nelle case degli abruzzesi fornendo supporto gratuito a distanza.

Il coronavirus ha cambiato la quotidianità e ansie, dubbi e paure assalgono inevitabilmente giovani e meno giovani che possono sentirsi incapaci o inadeguati ad affrontare questo momento di difficoltà. Molti psicologi hanno pertanto deciso di mettersi a disposizione attraverso i servizi telematici. Forniranno un supporto qualificato, seppure temporaneo, a chi ne avesse necessità nella consapevolezza che rafforzare la capacità di giudizio può contribuire a gestire al meglio le difficoltà e nella consapevolezza che un grande ostacolo alla diffusione del virus e dei suoi effetti è un atteggiamento equilibrato e solidale, figlio della consapevolezza profonda di non essere soli.

Di seguito gli articoli di stampa relativi alle varie iniziative:

Coronavirus, attivo servizio di supporto psicologico al telefono

Psicologi in campo contro il Coronavirus: come chiedere aiuto e supporto

Sostegno psicologico gratuito a distanza

Scarica la locandina di #PRONTOCOVID19

Come restare mentalmente sani durante la quarantena

717

Rischi del web: al via a L’Aquila il progetto “Web White&Black”

l mondo virtuale di internet, dove le relazioni e le azioni vengono percepite come impersonali, può nascondere pericoli reali sui quali è fondamentale informarsi per evitare spiacevoli conseguenze. Dal cyberbullismo all’adescamento online, passando per il furto di identità, sono sempre più frequenti le notizie di reati e di violenze compiute attraverso l’uso dei social network.

Prevenire i rischi legati ala comunicazione virtuale è uno degli obiettivi del progetto “Web White&Black” che impegnerà figure qualificate, quali psicologi e ingegneri informatici, in azioni volte alla promozione di un uso corretto e consapevole della rete e dei nuovi strumenti tecnologici tra i più giovani.

L’iniziativa vedrà come destinatari diretti centoventi alunni delle studenti delle classi seconde delle scuole secondarie di primo grado Dante Alighieri e Mazzini-Patini dell’Aquila. Il progetto, articolato in tre moduli dalla durata complessiva di dodici ore per ogni classe coinvolta, prevede lezioni informative e orientative sul fenomeno dell’adescamento online, tenute dalle psicologhe Chiara Gioia e Michelina Giannone e dall’ingegnere informatico Cristian Franciosi. Il percorso formativo si concluderà con un laboratorio teatrale, tenuto da Ugo Capezzali e Martina Bultrini, che coinvolgerà gli studenti nella preparazione di uno spettacolo sui rischi legati all’uso improprio della rete e dei social network.

Il progetto è stato presentato il 10 febbraio da Chiara Gioia e Michelina Giannone, psicologhe dell’associazione Agape responsabili del progetto, da Massimiliano Nardocci, dirigente dell’ufficio scolastico regionale e da Maria Luisa Ianni, assessore alle politiche giovanili del Comune dell’Aquila che ha formalmente aderito all’iniziativa.

Di seguito gli articoli di stampa relativi all’iniziativa:

Rischi del web, la prevenzione inizia a scuola: al via a L’Aquila il progetto “Web White&Black”

L’Aquila: educare giovani a uso consapevole del web, al via progetto

Pagina ufficiale del Comune dell’Aquila

Smartphone e Cyberbullismo, giro di vite

Gli alunni vanno a scuola di “social”

a66b6f024e1dbc9f5361507f02b7ca55

Nasce: “Allena Anche la Tua Mente”

Lo sportello di ascolto alla World Gym Center di Sassa (Aq)

Insolito ritrovare in un luogo di esercizio fisico in cui si allenano muscoli e si “scarica” lo stress moderno uno sportello dedicato all’ascolto volto a “potenziare” e “rifinire” anche l’allenamento mentale oltre che quello fisico.

È ormai sdoganato il bisogno di ogni atleta, dal professionista all’amatore, di trovare un equilibrio perfetto nell’allenamento tra quello che il corpo può dare e quello che la mente può esigere e stimolare.

Così nasce il progetto delle dottoresse Gioia e Ioannucci in collaborazione con la palestra World Gym Center di Sassa (Aq), da sempre attenta al benessere a 360 gradi.

Vi lasciamo alle parole delle psicologhe e psicoterapeute e vi suggeriamo di provare, scommettiamo che non tornerete indietro?

“Questo progetto nasce dalla volontà di due Psicologhe professioniste di creare uno spazio che vede protagonista la sinergia tra l’immagine corporea, le energie mentali, la costanza delle stesse e, attivare in tal modo, la capacità di riuscire a raggiungere un adeguato obiettivo che risponde al bisogno iniziale. 

Questo sportello non nasce per esser visto come luogo di cura, bensì ha la finalità di “potenziare” ed “incrementare” le abilità presenti nella persona che ha la volontà di modificare il suo aspetto fisico. Se la palestra è un luogo fisico che permette il cambiamento corporeo, il nostro spazio è stato creato per dare l’opportunità a ciascun individuo di allenare la propria mente, vale a dire, in alcuni casi far nascere e in altri a nutrire con costanza la motivazione, l’autostima e la tenacia, tutti “strumenti” insiti in ogni singolo individuo e che sono necessari a mantenere il focus sull’obiettivo prefissato. Per giungere ad un concreto cambiamento esteriore è fondamentale che mente e corpo siano in sintonia fra di loro, creando una sinergia, un interscambio. Da qui nasce anche l’importante collaborazione tra il singolo individuo, quale motore primario di ogni mutamento e le multiprofessionalità che cooperano per valorizzare le potenzialità e trasformarle in ricchezze per il cambiamento e la crescita interpersonale. 

Nello specifico, l’obiettivo dell’intervento psicologico riguarda i seguenti punti, quali: 

  • • promozione del benessere psico-fisico e socio relazionale; 
  • • potenziamento autostima
  • • mantenimento della costanza inerente al raggiungimento dell’obiettivo; 
  • • conseguimento obiettivi prefissati; 
  • • supporto per un percorso dimagrimento; 
  • • condivisionesostegno ascolto
  • • affiancamento, collaborazione e supervisione con Personal Trainer, Nutrizionista e Fisioterapista. 

Per concludere, è altresì importante sottolineare che le Psicologhe svolgeranno i colloqui rispettando le direttive dell’art. 11 del Codice Deontologico dell’Ordine degli Psicologi, il quale recita quanto segue: “Lo Psicologo è strettamente tenuto al segreto professionale. Pertanto non rivela notizie, fatti o informazioni apprese in ragione del suo supporto professionale, né informa circa le prestazioni professionali effettuate o programmate”. 

A cura 

Dott.ssa GIOIA Chiara
Psicologa – Psicoterapeuta 

Dott.ssa IOANNUCCI Shana
Psicologa – Psicoterapeuta in formazione”

LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE SU ABRUZZO24ORE.TV

narcisista

La mente di un narciso e’ meno ‘critica’

I narcisisti? Usano meno il pensiero critico. Cioè l’insieme di tutti quei processi mentali che sono importanti per risolvere i problemi e prendere decisioni solide.
Hanno quindi capacità cognitive più deboli di quanto pensino. Lo rileva una ricerca dell’Università di Waterloo, pubblicata sulla rivista Thinking & Reasoning. Gli studiosi hanno scoperto che mentre molti narcisisti possono percepirsi come pensatori altamente intelligenti e critici, hanno meno probabilità di utilizzare importanti strategie di pensiero riflessivo quando risolvono i problemi, pertanto gli alti livelli di fiducia che hanno nelle loro capacità intellettuali sono in molti casi secondo la scienza fuori luogo.
Nell’ambito di una serie di studi che indagano sulla relazione tra narcisismo, impulsività e riflessione cognitiva, sono stati valutati due tipi di narcisismo identificati dalla psicologia: quello grandioso e quello vulnerabile. I narcisisti grandiosi si sentono superiori agli altri e hanno una maggiore autostima, mentre i narcisisti vulnerabili si sentono più insicuri, introversi e hanno meno stima di se stessi. In uno studio, i ricercatori hanno reclutato 100 partecipanti negli Stati Uniti e valutato le loro prestazioni con un test apposito, il Cognitive Reflection Test, l’impegno nella riflessione e il pensiero intuitivo. In uno studio successivo, le valutazioni sono state ripetute, con l’esame aggiuntivo dell’impatto si un eccesso di fiducia sull’abilità cognitiva.
“Abbiamo scoperto – evidenzia Jonathan Fugelsang, uno degli autori dello studio – che il narcisismo grandioso e vulnerabile è associato negativamente con alcuni tipi di importanti processi di pensiero riflessivo”.